• “Giocando con Orlando” al Teatro Franco Parenti

    “Orlando furioso” è un poema incredibilmente ricco di personaggi, trame, sottotrame, duelli, fughe e colpi di scena. L’adattamento di Marco Baliani sceglie un filo conduttore che permette al pubblico di orientarsi all’interno dei 46 canti dell’opera: ad accompagnarci in questo vagare è Stefano Accorsi, unico attore in scena, agile nel passare da un personaggio all’altro snocciolando le ottave dell’Ariosto. Nonostante la lingua e la difficoltà del poema, lo spettacolo è incredibilmente snello, incalzante, attuale e divertente. Il pubblico rimane appeso alla voce di Accorsi dalla prima all’ultima parola, senza perdersi un minuto dello struggimento e della follia di Orlando.

     

     

    Milano

    Teatro Franco Parenti

    Dal 12 al 17 febbraio 2019

    Adattamento teatrale e regia Marco Baliani

    Con Stefano Accorsi

    Produzione Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo

  • “Iliade” all’Alta Luce Teatro

    L’“Iliade” è un testo immortale, che ancora oggi riesce a dirci qualcosa di nuovo a ogni nuova lettura. Corrado d’Elia sceglie poche immagini e crea un monologo intenso che passa dalla violenza della battaglia alla compassione del pianto: i due eserciti schierati con gli scudi luccicanti che sembrano un mare sterminato; Ettore valoroso che come un leone combatte e uccide; Paride bello come un dio che fugge dal suo nemico; Achille che per vendicare l’amico ucciso si accanisce sul corpo di Ettore; e, da ultimo, Priamo che implora l’assassino di suo figlio.

    Immagini vivide, che riecheggiano ancora e sempre.

     

     

    Milano

    Alta Luce Teatro 

    Dall’11 al 27 gennaio 2019

    Progetto e regia di Corrado d’Elia

    Con Corrado d’Elia

     

  • “Sugnu o non sugnu 2.0” al Teatro Libero

    Sappiamo che ben 15 delle 37 opere di William Shakespeare sono ambientate in Italia, da Venezia a Messina, e conosciamo bene l’enigma irrisolto della vera identità del celebre drammaturgo. Partendo da queste considerazioni, Francesca Vitale crea una spiritosa commedia basata su una delle tante teorie sulle origini di William Shakespeare: e se il grande scrittore inglese fosse in realtà italiano e, per la precisione, messinese? Se fosse stato costretto a emigrare in Inghilterra a causa dell’Inquisizione?

    Esplorando le batture del Bardo e immaginandosi la sua vita con la moglie, lo spettacolo ci mostra, divertendoci, un nuovo punto di vista.

     

     

    Milano

    Teatro Libero

    Dal 14 al 16 dicembre 2018

    Di Francesca Vitale

    Regia di Nicola Alberto Orofino 

    Con Francesca Vitale, Francesco Foti e Daniele Bruno

    produzione La Memoria del Teatro (Catania/Milano)

     

  • “Evgenij Onegin” al Piccolo Teatro Strehler

    Il parallelismo tra la biografia di Puškin e il suo Onegin rende lo spettacolo di Rimas Tuminas ancora più potente. Morto in duello a soli 37 anni, vittima del presunto amante della moglie, Puškin ha fatto del romanzo poetico un “bestseller”: l’appassionante storia d’amore, prima non riconosciuto e poi respinto, tra Tatiana e Onegin appare in questo spettacolo come un destino inevitabile, composto di musica, versi e danze d’altri tempi.

    Il vecchio Onegin, solo e disilluso, guarda agire l’Onegin giovane, arrogante e altezzoso. Così sul palcoscenico si creano due percorsi narrativi che procedono, paralleli e distanti, verso l’inevitabile epilogo.

     

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Strehler

    Dal 28 al 29 novembre 2018

    Ideato, scritto e diretto da Rimas Tuminas

    Con Sergey Makovetskij, Aleksei Guskov, Lijudmila Maksakova, Irina Kupchenko, Victor Dobronravov, Eugenij Pilugin, Vladimir Simonov, Yury Shlykov, Aleksei Kuznetsov, Artur Ivanov, Eugenia Kregzhde, Olga Ierman, Maria Volkova, Oleg Makarov

    Produzione Vachtangov State Academic Theatre

     

    Foto dal sito del Piccolo Teatro

  • “Amami o sposerò un millepiedi”

    “Amami o sposerò un millepiedi” fa parte dei Racconti d’inverno, una serie di letture intime dedicate “agli amanti della narrazione”, ed è tratto dalla corrispondenza tra Anton Cechov e Olga Knipper, l’attrice prima amica e amante, poi moglie del drammaturgo russo.

    Durante la sua lunga malattia (era affetto da tubercolosi) Cechov regalò al teatro, oltre a “Il gabbiano” e “Zio Vanja”, anche “Tre sorelle” e “Il giardino dei ciliegi”. Dalle lettere che scriveva a Olga emerge il ritratto di un uomo annoiato, costretto in campagna, ma determinato, più di ogni altra cosa, a scrivere fino alla fine: così sarà.

    Scrivi e ama ogni tua parola, ogni pensiero, ogni creatura che coltivi e sappi che tutto questo è indispensabile per l’umanità.

    Da una lettera di Olga Knipper ad Anton Cechov

  • “Storia di un’amicizia” al Teatro Franco Parenti

    Condensare in uno spettacolo teatrale di tre ore la tetralogia di Elena Ferrante è un’impresa ardua, sia per la densità di contenuti sia per il numero di personaggi. La Compagnia Fanny & Alexander sceglie di concentrarsi sulle protagoniste principali, Lila e Lenù, seguendo il filo conduttore della perdita delle bambole e, da lì, sviluppando la loro intera vita.

    Nonostante i registri narrativi scelti siano diversi e passino dal video alla danza, dal gesto alla musica, e nonostante il clima del rione arrivi così al pubblico in maniera amplificata, quello che manca è l’eccesso dell’amicizia totalizzante di Lila e Lenù.

    Ci piaceva molto sedere l’una accanto all’altra, io bionda, lei bruna, io tranquilla, lei nervosa, io simpatica, lei perfida, noi due opposte e concordi, noi due distanti dalle altre donne gravide che spiavamo con ironia.

     

     

    Milano

    Teatro Franco Parenti

    Dal 26 al 28 ottobre 2018

    Ideazione di Chiara Lagani e Luigi De Angelis

    Regia di Luigi De Angelis

    Con Chiara Lagani e Fiorenza Menni

    Produzione Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia/ Ravenna Festival/ E-production, in collaborazione con Ateliersi

     

  • “Questioni di cuore” al Teatro Franco Parenti

    La voce di Ornella Vanoni accompagna questo reading in cui Lella Costa sceglie alcune delle lettere pubblicate su “Il Venerdì” di Repubblica, completandole con le (mai scontate) risposte di Natalia Aspesi: ne emerge un ritratto scanzonato e malinconico dell’amore, in tutte le sue forme. Non corrisposto, tradito, mai conosciuto, cercato, passionale, platonico, a distanza, brutale, finito… ascoltiamo le sue migliaia di sfumature.

    Così Lella Costa ci restituisce i nostri stessi timori e le nostre stesse speranze, omaggiando la rubrica “Lettere del cuore” e la delicatezza con cui Natalia Aspesi ha consolato e compreso centinaia di uomini e donne spaesati.

     

     

    Milano

    Teatro Franco Parenti

    7 ottobre 2018

    Da un’idea di Aldo Balzanelli

    Lettere pubblicate nel libro Amore mio, ti odio

    Con Lella Costa 

    Produzione Mismaonda

  • “Il miracolo della cena” al Piccolo Teatro Grassi

    Ne “Il miracolo della cena”, Sonia Bergamasco dà voce alla vita di Fernanda Wittgens ma anche alla storia della Milano in guerra e dell’arte in pericolo. Tra documenti, lettere e articoli di giornale viene ricostruito il clima che opprime la città dopo i bombardamenti del ’43, quell’ansia sottile che permea tutto e tutti ma che non scoraggia la Wittgens.

    Il miracoloso restauro del Cenacolo, ad opera di Pelliccioli, avviene in quel clima e, contro ogni aspettativa, è un trionfo: non solo l’opera di Leonardo è salva, ma è tornata allo splendore di un tempo, con tutti i suoi colori.

    … mi definiscono scherzosamente “una donna terribile”, a causa della mia franchezza, e io mantengo la fama.

    Fernanda Wittgens

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Grassi

    Dal 26 al 27 settembre 2018

    Regia di Marco Rampoldi

    Con Sonia Bergamasco

    Produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa in collaborazione con Museo del Cenacolo Vinciano MIBAC – Polo Museale Regionale della Lombardia

     

    Foto di Masiar Pasquali

     

  • “Trascendi e sali” al Teatro Elfo Puccini

    Ci sono molti modi per raccontare il nostro presente: Alessandro Bergonzoni lo fa con riprese dall’alto, con metafore perpendicolari, giochi di parole, doppi sensi che si moltiplicano, verticalità che spaventano. “Trascendi e sali” è un’immersione nella semantica, una dichiarata guerra alla banalità, una presa in giro delle risposte semplici: dalla violenza domestica alle condizioni dei migranti, dalla politica alla religione, nulla sfugge alla lente d’ingrandimento dell’attore.

    L’analisi spietata dell’umanità che si avvia verso l’estinzione (“e tu lasciala andare!”) ci fa ridere e, al tempo stesso, ci pone una domanda (tra le altre): dov’è finita la nostra “carta di dignità”?

    State sereni solo quando sarete cielo!

     

     

    Milano

    Teatro Elfo Puccini 

    Dal 2 al 13 luglio 2018

    Regia di Alessandro Bergonzoni e Riccardo Ridolfi

    Con Alessandro Bergonzoni

    Produzione Allibito

     

  • “Sogno di una notte di mezza estate” al Piccolo Teatro Grassi

    La nuova produzione della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli debutta al Piccolo Teatro Grassi con successo, nonostante qualche problema tecnico legato all’audio. Le marionette danno vita ai protagonisti di “Sogno di una notte di mezza estate”, quella che Eugenio Monti Colla definisce “l’opera di Shakespeare più densa di fascino e di mistero”.

    Con notevole capacità di improvvisazione (anche nei momenti di difficoltà del sonoro), i marionettisti rendono la gestualità di ogni personaggio con grande maestria; le scene sognanti e i costumi elaborati ci accompagnano nella meravigliosa fiaba di Oberon e Titania, tra fate, elfi e amori non corrisposti.

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Grassi

    Dal 12 al 21 giugno 2018

    di William Shakespeare

    Riduzione e adattamento per marionette Eugenio Monti Colla

    I marionettisti Franco Citterio, Mariagrazia Citterio, Piero Corbella, Camillo Cosulich, Debora Coviello, Carlo Decio, Cecilia Di Marco, Tiziano Marcolegio, Pietro Monti, Giovanni Schiavolin, Paolo Sette

    Gli attori Loredana Alfieri, Marco Balbi, Roberto Carusi, Carlo Decio, Lorella De Luca, Lisa Mazzotti, Riccardo Peroni, Roberto Pompili, Gianni Quillico, Franco Sangermano

    I musicisti Luca Carrino, Andrea Colombo, Ivailo Corengia, Kevin Carlo Nunez Lo Vecchio, Sofia Panzeri, Simone Zaffaroni  

    Direttore Daniele Sozzani Desperati

    Produzione Associazione Grupporiani, Comune di Milano – Teatro Convenzionato, NEXT Laboratorio delle idee di Regione Lombardia 

    In collaborazione con Conservatorio di Como Giuseppe Verdi