• “Evgenij Onegin” al Piccolo Teatro Strehler

    Il parallelismo tra la biografia di Puškin e il suo Onegin rende lo spettacolo di Rimas Tuminas ancora più potente. Morto in duello a soli 37 anni, vittima del presunto amante della moglie, Puškin ha fatto del romanzo poetico un “bestseller”: l’appassionante storia d’amore, prima non riconosciuto e poi respinto, tra Tatiana e Onegin appare in questo spettacolo come un destino inevitabile, composto di musica, versi e danze d’altri tempi.

    Il vecchio Onegin, solo e disilluso, guarda agire l’Onegin giovane, arrogante e altezzoso. Così sul palcoscenico si creano due percorsi narrativi che procedono, paralleli e distanti, verso l’inevitabile epilogo.

     

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Strehler

    Dal 28 al 29 novembre 2018

    Ideato, scritto e diretto da Rimas Tuminas

    Con Sergey Makovetskij, Aleksei Guskov, Lijudmila Maksakova, Irina Kupchenko, Victor Dobronravov, Eugenij Pilugin, Vladimir Simonov, Yury Shlykov, Aleksei Kuznetsov, Artur Ivanov, Eugenia Kregzhde, Olga Ierman, Maria Volkova, Oleg Makarov

    Produzione Vachtangov State Academic Theatre

     

    Foto dal sito del Piccolo Teatro

  • “Storia di un’amicizia” al Teatro Franco Parenti

    Condensare in uno spettacolo teatrale di tre ore la tetralogia di Elena Ferrante è un’impresa ardua, sia per la densità di contenuti sia per il numero di personaggi. La Compagnia Fanny & Alexander sceglie di concentrarsi sulle protagoniste principali, Lila e Lenù, seguendo il filo conduttore della perdita delle bambole e, da lì, sviluppando la loro intera vita.

    Nonostante i registri narrativi scelti siano diversi e passino dal video alla danza, dal gesto alla musica, e nonostante il clima del rione arrivi così al pubblico in maniera amplificata, quello che manca è l’eccesso dell’amicizia totalizzante di Lila e Lenù.

    Ci piaceva molto sedere l’una accanto all’altra, io bionda, lei bruna, io tranquilla, lei nervosa, io simpatica, lei perfida, noi due opposte e concordi, noi due distanti dalle altre donne gravide che spiavamo con ironia.

     

     

    Milano

    Teatro Franco Parenti

    Dal 26 al 28 ottobre 2018

    Ideazione di Chiara Lagani e Luigi De Angelis

    Regia di Luigi De Angelis

    Con Chiara Lagani e Fiorenza Menni

    Produzione Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia/ Ravenna Festival/ E-production, in collaborazione con Ateliersi

     

  • “Il miracolo della cena” al Piccolo Teatro Grassi

    Ne “Il miracolo della cena”, Sonia Bergamasco dà voce alla vita di Fernanda Wittgens ma anche alla storia della Milano in guerra e dell’arte in pericolo. Tra documenti, lettere e articoli di giornale viene ricostruito il clima che opprime la città dopo i bombardamenti del ’43, quell’ansia sottile che permea tutto e tutti ma che non scoraggia la Wittgens.

    Il miracoloso restauro del Cenacolo, ad opera di Pelliccioli, avviene in quel clima e, contro ogni aspettativa, è un trionfo: non solo l’opera di Leonardo è salva, ma è tornata allo splendore di un tempo, con tutti i suoi colori.

    … mi definiscono scherzosamente “una donna terribile”, a causa della mia franchezza, e io mantengo la fama.

    Fernanda Wittgens

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Grassi

    Dal 26 al 27 settembre 2018

    Regia di Marco Rampoldi

    Con Sonia Bergamasco

    Produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa in collaborazione con Museo del Cenacolo Vinciano MIBAC – Polo Museale Regionale della Lombardia

     

    Foto di Masiar Pasquali

     

  • “Trascendi e sali” al Teatro Elfo Puccini

    Ci sono molti modi per raccontare il nostro presente: Alessandro Bergonzoni lo fa con riprese dall’alto, con metafore perpendicolari, giochi di parole, doppi sensi che si moltiplicano, verticalità che spaventano. “Trascendi e sali” è un’immersione nella semantica, una dichiarata guerra alla banalità, una presa in giro delle risposte semplici: dalla violenza domestica alle condizioni dei migranti, dalla politica alla religione, nulla sfugge alla lente d’ingrandimento dell’attore.

    L’analisi spietata dell’umanità che si avvia verso l’estinzione (“e tu lasciala andare!”) ci fa ridere e, al tempo stesso, ci pone una domanda (tra le altre): dov’è finita la nostra “carta di dignità”?

    State sereni solo quando sarete cielo!

     

     

    Milano

    Teatro Elfo Puccini 

    Dal 2 al 13 luglio 2018

    Regia di Alessandro Bergonzoni e Riccardo Ridolfi

    Con Alessandro Bergonzoni

    Produzione Allibito

     

  • “Sogno di una notte di mezza estate” al Piccolo Teatro Grassi

    La nuova produzione della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli debutta al Piccolo Teatro Grassi con successo, nonostante qualche problema tecnico legato all’audio. Le marionette danno vita ai protagonisti di “Sogno di una notte di mezza estate”, quella che Eugenio Monti Colla definisce “l’opera di Shakespeare più densa di fascino e di mistero”.

    Con notevole capacità di improvvisazione (anche nei momenti di difficoltà del sonoro), i marionettisti rendono la gestualità di ogni personaggio con grande maestria; le scene sognanti e i costumi elaborati ci accompagnano nella meravigliosa fiaba di Oberon e Titania, tra fate, elfi e amori non corrisposti.

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Grassi

    Dal 12 al 21 giugno 2018

    di William Shakespeare

    Riduzione e adattamento per marionette Eugenio Monti Colla

    I marionettisti Franco Citterio, Mariagrazia Citterio, Piero Corbella, Camillo Cosulich, Debora Coviello, Carlo Decio, Cecilia Di Marco, Tiziano Marcolegio, Pietro Monti, Giovanni Schiavolin, Paolo Sette

    Gli attori Loredana Alfieri, Marco Balbi, Roberto Carusi, Carlo Decio, Lorella De Luca, Lisa Mazzotti, Riccardo Peroni, Roberto Pompili, Gianni Quillico, Franco Sangermano

    I musicisti Luca Carrino, Andrea Colombo, Ivailo Corengia, Kevin Carlo Nunez Lo Vecchio, Sofia Panzeri, Simone Zaffaroni  

    Direttore Daniele Sozzani Desperati

    Produzione Associazione Grupporiani, Comune di Milano – Teatro Convenzionato, NEXT Laboratorio delle idee di Regione Lombardia 

    In collaborazione con Conservatorio di Como Giuseppe Verdi

  • In modo radicale: Pasolini e il Sessantotto

    Pasolini aveva un modo rivoluzionario di interpretare (e di vivere) la storia: nell’incontro al Piccolo Teatro Grassi questa sua caratteristica emerge in tutta la sua forza.

    Dalla contestata poesia contro gli studenti che protestavano a Villa Giulia fino al sottovalutato articolo sui “capelloni” e sulla semiotica collegata, passando per la celebrazione di New York: anni interi riassunti in righe dense di significati nascosti e di sfumature quasi predittive. Una riscoperta incredibile, considerando che era stato in grado di tratteggiare il nostro presente con decenni d’anticipo. Pasolini, letto oggi, aveva un pregio impagabile: sapeva scrivere ciò che non volevamo sapere.

  • “Le cosmicomiche/La boutique del mistero” al Teatro Out Off

    Lorenzo Loris continua il suo viaggio di scoperta nella letteratura italiana (dopo la messinscena de “Gli amori difficili” di Calvino nel 2017) e sceglie istintivamente quattro racconti di Calvino e Buzzati, creando una narrazione unitaria che li attraversa tutti. “La distanza della luna”, “La memoria del mondo”, “Ragazza che precipita” e “Inviti superflui”: i due scrittori, e i due attori sul palco, si alternano nei racconti, risvegliando quesiti d’amore.

    Lo spettacolo coinvolge il pubblico e, allo stesso tempo, dà voce al ruolo della letteratura come “terra promessa in cui il linguaggio diventa quello che veramente dovrebbe essere”: da vedere!

    Vorrei che tu venissi da me una sera d’inverno e, stretti insieme dietro i vetri, guardando la solitudine delle strade buie e gelate, ricordassimo gli inverni delle favole, dove si visse insieme senza saperlo…

    Sessanta racconti, Dino Buzzati

     

     

    Milano

    Teatro Out Off

    Dal 2 al 27 maggio 2018

    Di Italo Calvino e Dino Buzzati

    Regia di Lorenzo Loris

    Con Paolo Bessegato e Pietro Bontempo

  • “Che disastro di commedia” al Teatro Carcano

    Ilarità e risate a crepapelle travolgono tutti, grandi e piccini, in questa commedia che vede protagonista una compagnia teatrale amatoriale al debutto con uno spettacolo su un misterioso omicidio.

    Gli attori, apparentemente impegnati e seri, si trovano ad affrontare una serie infinita di inconvenienti in modo goffo e comico: battute dimenticate, oggetti che mancano, parti di scena che si rompono, crisi isteriche, situazioni paradossali incubo di ogni attore, fino al cedimento dell’intera scenografia.

    Capacità mimica e fisica in un cast che mette in scena un susseguirsi incessante di colpi di scena con grande effetto comico.

    Assolutamente da non perdere!

     

     

    Milano

    Teatro Carcano

    Dal 2 al 13 maggio 2018

    Di Henry Lewis, Jonathan Sayer e Henry Shields

    Regia di Mark Bell

    Con Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Marco Zordan, Luca Basile, Viviana Colais, Stefania Autuori, Valerio Di Benedetto e la partecipazione di Gabriele Pignotta

    Produzione AB Management e Opera Prima 

    In collaborazione con Ginevra Media Prod

  • “Questi fantasmi!” al Piccolo Teatro Strehler

    Pasquale Lojacono si trasferisce con la giovane moglie in un appartamento con fitto gratuito ma con l’impegno di porre fine alla leggenda che i fantasmi si aggirino nella casa: dovrà infatti mostrarsi due volte al giorno a uno dei 68 balconi presenti nell’abitazione, simulando allegria e perfino cantando a squarciagola, così da restituire una buona reputazione all’appartamento.

    Alfredo, amante della moglie, lascia di nascosto regali e denari qua e là e, sebbene inizialmente impaurito, Pasquale si convince che i fantasmi l’abbiano proprio preso a benvolere.

    Da qui il dubbio: Pasquale crede davvero ai fantasmi o approfitta semplicemente della situazione?

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Strehler

    Dal 10 al 22 aprile 2018

    Di Eduardo De Filippo

    Regia di Marco Tullio Giordana

    Con Gianfelice Imparato, Carolina Rosi, Nicola Di Pinto, Massimo De Matteo, Paola Fulciniti, Giovanni Allocca, Gianni Cannavacciuolo e con Viola Forestiero, Federica Altamura, Andrea Cioffi

    Produzione Elledieffe – La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo

     

    Foto di Stefano Fortunati

  • Grandi musiche per grandi film

    La fama di alcune colonne sonore supera a volte quella dei film per cui sono state composte: è certamente il caso della scaletta del concerto dell’Orchestra a plettro Città di Milano al Teatro Gerolamo, dove sia le musiche concepite per essere suonate da strumenti a plettro, come il Sirtaki di Zorba il Greco, sia più arditi adattamenti trasmettono l’armonia e la potenza delle versioni originali.

    La proiezione di spezzoni dei film accompagna l’esecuzione di ogni performance, aiutando lo spettatore a entrare in empatia con ciascuna composizione. Incredibile come certi motivi ci siano noti persino quando non conosciamo il film.

     

    Foto dal sito di Repubblica