• “La tempesta” al Piccolo Teatro Strehler

    Considerato il testamento di William Shakespere, la Tempesta è un testo evocativo, immaginifico, dove l’autore esplora il proprio rapporto col tempo e col mondo, e tutto sembra riconciliarsi. 

    La regia di Roberto Andò trasporta sulla scena lo scorrere dei personaggi, orchestrati da Prospero e diretti dal fidato Ariel che, naufraghi, vengono a fare i conti con il loro destino. 

    L’acqua, che richiama lo scorrere del tempo e in qualche modo lo trascende, rende i contorni dello spazio ancor meno definiti, bagnando costantemente i piedi dei personaggi. 

    Come in una tempesta, lo spettatore viene trasportato nell’altrove dove tutto può accadere. 

     

    We are such stuff / As dreams are made on, and our little life / Is rounded with a sleep

     

    Milano

    Piccolo Teatro Strehler

    Dal 14 al 26 maggio

    Di William Shakespeare

    Adattamento Roberto Andò e Nadia Fusini

    Regia Roberto Andò

    Con Renato Carpentieri, Vincenzo Pirrotta, Filippo Luna, Giulia Andò, Paolo Briguglia, Paride Benassa, Gaetano Bruno, Fabrizio Falco

    Produzione Teatro Biondo Palermo

     

    Foto di Lia Pasqualino

     

  • “Le allegre comari di Windsor” al Teatro Carcano

    Due donne borghesi di mezza età, annoiate dalla monotonia dell’ormai spenta vita matrimoniale, trovano una scintilla di eccitazione grazie a un noto dongiovanni, Falstaff, stimolo per trasformare il solito noioso tè del pomeriggio nel più classico teatro nel teatro, simulazione dei diversi modi per punire “il porco”. Grandissima ironia negli ossimori intrinseci alle due donne, un continuo scambio tra sodalizio femminile e battute pungenti, miscelate dalle rozze ed esplicite parole del Falstaff impersonato dalla serva Quickly.

    L’adattamento di Edoardo Erba e la regia di Serena Sinigaglia confezionano una brillantissima messa in scena che coinvolge e fa sorridere lo spettatore. 

     

     

    Milano

    Teatro Carcano

    Dal 21 febbraio al 3 marzo 2019

    Di William Shakespeare

    Adattamento di Edoardo Erba

    Regia di Serena Sinigaglia

    Con Mila Boeri, Annagaia Marchioro, Chiara Stoppa, Virginia Zini

    Fisarmonica Giulia Bertasi

    Coproduzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini | ATIR Teatro Ringhiera

  • “Sugnu o non sugnu 2.0” al Teatro Libero

    Sappiamo che ben 15 delle 37 opere di William Shakespeare sono ambientate in Italia, da Venezia a Messina, e conosciamo bene l’enigma irrisolto della vera identità del celebre drammaturgo. Partendo da queste considerazioni, Francesca Vitale crea una spiritosa commedia basata su una delle tante teorie sulle origini di William Shakespeare: e se il grande scrittore inglese fosse in realtà italiano e, per la precisione, messinese? Se fosse stato costretto a emigrare in Inghilterra a causa dell’Inquisizione?

    Esplorando le batture del Bardo e immaginandosi la sua vita con la moglie, lo spettacolo ci mostra, divertendoci, un nuovo punto di vista.

     

     

    Milano

    Teatro Libero

    Dal 14 al 16 dicembre 2018

    Di Francesca Vitale

    Regia di Nicola Alberto Orofino 

    Con Francesca Vitale, Francesco Foti e Daniele Bruno

    produzione La Memoria del Teatro (Catania/Milano)

     

  • “Sogno di una notte di mezza estate” al Piccolo Teatro Grassi

    La nuova produzione della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli debutta al Piccolo Teatro Grassi con successo, nonostante qualche problema tecnico legato all’audio. Le marionette danno vita ai protagonisti di “Sogno di una notte di mezza estate”, quella che Eugenio Monti Colla definisce “l’opera di Shakespeare più densa di fascino e di mistero”.

    Con notevole capacità di improvvisazione (anche nei momenti di difficoltà del sonoro), i marionettisti rendono la gestualità di ogni personaggio con grande maestria; le scene sognanti e i costumi elaborati ci accompagnano nella meravigliosa fiaba di Oberon e Titania, tra fate, elfi e amori non corrisposti.

     

     

    Milano

    Piccolo Teatro Grassi

    Dal 12 al 21 giugno 2018

    di William Shakespeare

    Riduzione e adattamento per marionette Eugenio Monti Colla

    I marionettisti Franco Citterio, Mariagrazia Citterio, Piero Corbella, Camillo Cosulich, Debora Coviello, Carlo Decio, Cecilia Di Marco, Tiziano Marcolegio, Pietro Monti, Giovanni Schiavolin, Paolo Sette

    Gli attori Loredana Alfieri, Marco Balbi, Roberto Carusi, Carlo Decio, Lorella De Luca, Lisa Mazzotti, Riccardo Peroni, Roberto Pompili, Gianni Quillico, Franco Sangermano

    I musicisti Luca Carrino, Andrea Colombo, Ivailo Corengia, Kevin Carlo Nunez Lo Vecchio, Sofia Panzeri, Simone Zaffaroni  

    Direttore Daniele Sozzani Desperati

    Produzione Associazione Grupporiani, Comune di Milano – Teatro Convenzionato, NEXT Laboratorio delle idee di Regione Lombardia 

    In collaborazione con Conservatorio di Como Giuseppe Verdi

  • “Romeo e Giulietta” al Teatro Leonardo

    “Romeo e Giulietta” di Corrado d’Elia è uno spettacolo che ha messo a dura prova il testo di Shakespeare, tentando di attualizzarlo attraverso le molte battute, la madre di Giulietta estremizzata, il padre in camicia di paillettes, la musica da discoteca, le luci psichedeliche. Sicuramente l’idea dei personaggi in corsa sul palcoscenico rende bene la velocità dell’azione, concentrata in pochi giorni e sempre più accelerata verso il finale tragico. I due giovani protagonisti sono genuini nella loro interpretazione e così Frate Lorenzo e Mercuzio: mancano la resa del sentimento e la scintilla della commozione, essenziali per il racconto drammatico.

    Con le ali dell’amore ho volato oltre le mura, perché non si possono mettere limiti all’amore e ciò che amor vuole amore osa.

    Romeo e Giulietta, William Shakespeare

     

     

    Milano

    Manifatture Teatrali Milanesi

    Teatro Leonardo

    Dal 23 marzo al 2 aprile 2017

    Regia di Corrado d’Elia

    Con Andrea Bellacicco, Alessandro Castellucci, Angelo Di Figlia, Sebastien Halnaut, Silvia Giulia Mendola, Gianni Quillico, Andrea Pinna, Chiara Salvucci, Andrea Tonin, Emanuele Turetta, Antonio Valentino, Luigi Bertacchi, Noemi Ederle, Francesco Marchi, Gabriele Pierani, Cristina Santosuosso

     

  • “Giulio Cesare” al Teatro Carignano

    Giulio Cesare” è prima di tutto un affresco impietoso della natura umana, una riflessione sul potere che sottolinea quanto poco ci siamo allontanati dagli intrighi raccontati da Shakespeare. Con l’aiuto di immagini provocatorie e di costumi insoliti, Alex Rigola ci restituisce un nuovo “Giulio Cesare”, e non solo perché il personaggio principale viene interpretato da una donna; anche l’insicurezza di Bruto e il disamore di Cassio emergono chiaramente dall’interpretazione degli attori. L’elogio funebre di Antonio, tenuto da Michele Riondino, è emozionante e la battaglia finale, raccontata dai diversi attori attraverso i microfoni posizionati sul palco, rivela la sua attualità. 

    Non siete di legno, non siete di pietra, ma uomini, e essendo uomini, e udendo il testamento di Cesare, esso v’infiammerebbe, vi farebbe impazzire: è bene non sappiate che siete i suoi eredi; ché, se lo sapeste, oh, che ne seguirebbe!

    Giulio Cesare, William Shakespeare

     

     

    Torino

    Teatro Carignano

    Dal 14 al 19 marzo 2017

    Regia di Alex Rigola

    Con Michele Riondino, Maria Grazia Mandruzzato, Stefano Scandaletti, Michele Maccagno, Silvia Costa, Margherita Mannino, Eleonora Panizzo, Pietro Quadrino, Riccardo Gamba, Raquel Gualtero, Beatrice Fedi, Andrea Fagarazzi

    Produzione Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale