• “Le Troiane” al Teatro Greco di Siracusa

    Nemmeno con infinite parole (figuriamoci con 99!) sarebbe possibile descrivere la bellezza dello spettacolo “Le Troiane”, rappresentato al Teatro Greco di Siracusa.

    Ogni dettaglio contribuisce a una resa scenica grandiosa: la scenografia che si unisce al panorama siciliano, i canti del coro che scandiscono il procedere della narrazione, il messaggio di denuncia contro il male della guerra e le debolezze degli uomini, attualissimo dopo più di duemila anni. Notevoli anche le interpretazioni: Ecuba, assoluta protagonista, si confronta con Cassandra, Andromaca ed Elena.

    Ognuna ha un dolore e un destino da compiere, ma è ad Ecuba che spetta il peggiore.  

    La tragedia di Euripide è un canto di sofferenza in omaggio alla vita. Ecuba compie la scelta di rialzare la testa. Malgrado la distruzione di una città, di un passato glorioso, le Troiane accettano con coraggio la loro sorte; queste donne sono capaci di marciare sulla propria pena: sono loro le vere eroine della guerra.

    Muriel Mayette-Holtz

  • “L’allegra vedova” al Teatro Gobetti

    “L’allegra vedova – Cafè Chantant” è uno spettacolo con una sola attrice e quattro musicisti, a darci un’idea del ruolo fondamentale giocato dalla musica. Il valzer è il protagonista principale, con il suo ritmo avvolgente, e si diverte a giocare con i sentimenti dei due innamorati: da una parte Hanna, ricca ereditiera, e dall’altra il principe Danilo, dissoluto diplomatico. Entrambi vengono dal piccolo stato del Pontevedro ed entrambi sono interpretati da Maddalena Crippa, che alterna voci e canto in una narrazione divertente e scanzonata. Sarà la gelosia a farsi beffa, sulle note di un valzer, dell’iniziale orgoglio dei due protagonisti.

    Non bisogna mai parlare male del valzer, altrimenti lui si vendica.

     

     

    Torino

    Teatro Gobetti

    Dal 7 al 12 marzo 2017

    Regia di Bruno Stori

    Con Maddalena Crippa e con Giampaolo Bandini (chitarra), Giovanni Mareggini (flauto e ottavino), Mario Pietrodarchi (fisarmonica), Federico Marchesano (contrabbasso)

    Produzione Parmaconcerti srl e Compagnia Orsini